Andalusia

il

L’Andalusia è in assoluto una parte della Spagna piena di sorprese ed è per questo che vale la pena provare a visitarla tutta.

Nonostante fossimo gia’ stati nel 2015,quest anno abbiamo deciso di tornarci per visitare l’altra parte che ci mancava.

Abbiamo alloggiato a Cala de Mijas,a circa 20 km da Marbella;il volo quindi è stato il diretto Milano malpensa-Malaga.

A differenza dell’altra volta che ci siamo spostati solo con pullman e treni,abbiamo affittato la macchina;consigliatissimo per questo tipo di viaggio in cui ogni giorno ci si sposta in una città diversa.

Noi abbiamo scelto GoldCar(175,00 euro per una settimana,auto con il pieno e kilometraggio illimitato;prenderla e depositarla è stato semplicissimo in quanto lo si fa direttamente in aereoporto).

Facilissimo spostarsi e viaggiare in quanto c’è una via principale, Autovia del mediterraneo – A7 , che collega tutti i paesi della Costa del Sol e non è a pagamento( solo le strade che presentano la E sono a pagamento ma si possono tranquillamente evitare perchè con qualche minuto in più si arriva nelle stesse destinazioni grazie all’ autovia).

Il primo giorno,arrivati all’appartamento ormai ora di pranzo,abbiamo deciso di esplorare la spiaggia di Cala de Mijas; un buon pranzo al chiringuito Los Moreno dove sono assolutamente da assaggiare le sardine preparate al momento accopagnate da una fresca cerveza(Cruzcampo o San Miguel ovviamente!).

Non preoccupatevi dell’orario,in spagna si mangia a qualunque ora(noi abbiamo pranzato alle 17:30).

Le spiagge a Cala de Mijas sono sia libere che attrezzate(si possono affittare 2 sdraio con ombrellone a 10,00 euro al giorno).

PRIMA TAPPA: MARBELLA/PUERTO BANUS

IMG_9156

Distante solo 20/30 minuti in macchina,percorrendo Autovia del Mediterraneo,si raggiunge Marbella.

Caratteristico il ponte appena si arriva nel paese con la scritta MARBELLA;

il paese si divide in due parti,la parte del mare con quindi la passeggiata lungomare,e il centro storico,caratterizzato da vie strette e piene di fiori,come un po’ tutta l’Andalusia.

Per una cena suggestiva consiglio il ristorante “El Patio de Mariscal”,prenotando si puo’ riservare un tavolo all’interno del patio(un giardino all’interno del ristorante) che è incantevole.

Ottima alternativa sono i tapas bar, in cui ci si può sbizzarire mangiando piccole porzioni di un pò di tutto.

Se si capita ad inizio Giugno a Marbella per circa una settimana c’è la Feria de San Bernabé, celebrazione commemorativa della riconquista di Marbella nel 1485. Vedere tutte le donne andaluse vestite con il tipico abito da flamenco ,le strade arrichite di banchetti e ovviamente fiumi di birra è uno spettacolo da non perdere.

Rifatevi gli occhi per le strade di Puerto Banus ma non lasciatevi sopraffare dallo sfarzo e dalla ricchezza; abbiamo passato una serata alternativa,e incuriositi dalle mille voci sentite siamo stati al porto dove si possono ammirare yatch di ogni genere e dimensione. Passate per un buonissimo cocktail all’ASTRAL Cocktail bar ; vi ritroverete a bordo di un galeone dei pirati, location suggestiva e assolutamente diversa dal solito bar.

SECONDA TAPPA: RONDA / JUZCARIMG_8968

Ronda è un paese che si affaccia sulle campagne Andaluse;ve ne accorgerete durante il viaggio perchè intorno a voi ci saranno solo mulini a vento e tanto verde;inoltre sparsi intorno a voi si possono ammirare i caratteristici “pueblos blancos” villaggi inconfondibili poichè completamente bianchi.

Visitarla a piedi è un piacere perchè in ogni angolo si nascondono “mirador” che vi permetteranno di scattare foto suggestive e di godere di paesaggi stupendi!

Elemento caratterizzante di Ronda è assolutamente il Ponte Nuevo, uno strapiombo di circa 160 metri sul torrente Guadalevìn, che divide in due parti la città.

Lo si può vedere da più angolazioni in quanto è possibile percorrere i sentieri lungo la scarpata;davvero mozzafiato vedere come sotto di voi ci sia solo tanta vegetazione e strapiombi profondissimi!

Di rito è la visita alla Plaza de toros,dove tutt’ora si pratica la corrida,essendo una delle più antiche al mondo è ricca di storia che potrete ripercorrere grazie al museo realizzato al suo interno.

Giunti alla fine del museo,vi troverete tra gli spalti e successivamente all’interno della plaza. E’ anche sede della più importante scuola equestre dell’Andalusia.(costo della visita 8,00 euro)

Meta meno turistica ma assolutamente da fare è la visita al “La Casa del Rey Moro“.

Passando attraverso antichi giardini pensili si giunge all’entrata di un percorso scavato nella montagna che da così vita a tunnel segreti utilizzati in passato dagli arabi per nascondere le armi e,in caso di necessità,come vie di fuga.

Rilassatevi e godetevi la temperatura freschissima che vi riserveranno questi tunnel che,attraverso moltissimi scalini umidi,vi condurranno ad un’uscita al livello del fiume in cui potrete ammirare i caratteristici strapiombi di Ronda da una visuale opposta alla solita,ovvero dal basso.(costo della visita 5,oo euro).

I “pueblos blancos” sono suggestivi perché sembrano piccole realtà isolate; di ritorno da Ronda fermatevi a visitarne uno, resterete stupiti dal silenzio che vi circonda. Al suo interno vedrete tutto quello di cui si ha bisogno, dalle piccole botteghe al ristorante e addirittura il cimitero. La tradizione vuole che ogni elemento di questi villaggi sia di colore bianco ma…. in un angolo nascosto dell’Andalusia, percorrendo una strada stretta e curva vi ritroverete a Juzcar, dove si trova il villaggio dei Puffi ! Ebbene si, una volta questo villaggio era un classico pueblos blancos, nel 2011 decisero di verniciarlo tutto di colore azzurro poiché fu l’ambientazione per il film “Puffi 3D” ; in base alle notizie, una volta girato il film sarebbe dovuto tornare al suo colore bianco originale ma, dopo un referendum, i cittadini stessi hanno deciso di lasciarlo totalmente azzurro!

Parcheggiate all’entrata del villaggio, così da visitarlo a piedi e godervi il silenzio che c’è; sarete accolti da una mega statua puffosa e circondati di elementi caratteristici di un villaggio dei puffi, quindi funghi rossi e parco giochi a tema.

Le vie sono strette e lunghe, e grazie ai vari cartelli potrete raggiungere il ristorante , il centro del paese e ogni attrazione che vi si trova. Sembra davvero di essere in un mondo parallelo, in cui si torna un po bambini.

TERZA TAPPA : GRANADA

IMG_9010

Distante circa 200km da Cala de Mijas si trova Granada ; per visitarla con calma e senza correre, abbiamo deciso di dormire una notte qui.

Arrivati verso ora di pranzo, abbiamo iniziato a visitare la città a piedi ; ad un certo punto però, quando abbiamo capito che Granada si divide in una città vecchia nella parte alta e in un centro abbastanza grande abbiamo optato per il pulmino aperto con guida tramite cuffia ( granada city tour ) così da poter conoscere ogni angolo della città e poter scendere e salire ovunque volessimo. ( costo giornaliero del pulmino € 8,00 ). Durante il giorno servitevi della Ruta diurna ( o ruta verde ) invece di sera servitevi della Ruta nocturna ( o ruta roja , con ultima partenza alle 22:30 ). Tra una salita e una discesa, ci siamo trovati davanti ad uno dei monumenti più belli di Granada : la Cattedrale, caratterizzata da stili appartenenti ad epoche diverse. Concedetevi una passeggiata qui intorno, per lasciarvi affascinare dai negozi di tisane e spezie.

Verso l’ora del tramonto, salite in direzione Alhambra e fate tappa al Mirador San Nicola :  posizionatevi bene, fotocamera pronta per scattare foto suggestive dell’Alhambra al tramonto; occhio ai borseggiatori che si aggirano proprio in queste ore, cercando turisti troppo concentrati al tramonto e meno alla custodia dei propri beni.

La nostra visita a Granada nasce soprattutto per visitare l‘Alhambra. Prendendo i biglietti con largo anticipo ( almeno 1/2 mesi prima ) si riesce probabilmente a prendere il biglietto al suo costo originale di circa € 15,00. Se però come noi,vi trovate davanti al calendario totalmente pieno, non demoralizzatevi e investite qualcosa di più : la visita con la guida.

Noi abbiamo preso il biglietto dal sito Getyourguide.com : visita in lingua inglese che però è stata di facile comprensione. Costo € 45,00.

Ci si ritrova davanti al bar fuori dall’entrata principale dell’Alhambra. Ognuno sarà fornito della propria auricolare, direttamente collegata alla guida e si parte. Il tour ha la durata di 3 ore e posso garantire che volano!

Non staremo qui ad elencare tutto quello che abbiamo visto altrimenti vi rovineremo la sorpresa di tutto quello che vedrete ; si passa da stupendi giardini a stanze con finestre che concedono viste mozzafiato sui vari lati della città. Stanze con soffitti splendidi e ricchi di decori fanno da cornice al verde che vi circonda e all’acqua che è un elemento caratterizzante della struttura. Miraccomando non fatevi sfuggire la foto con il palazzo riflesso dell’acqua!

Al termine della guida vi sarà concesso di restare dentro l’Alhambra se si desidera rivedere ancora qualche ambiente in particolare o semplicemente per fare una piccola siesta all’ombra dei tanti alberi che vi si trovano all’interno.

Verificate bene, al momento della prenotazione, che il vostro biglietto comprenda :

-Alhambra

-Palacio del Generalife

-Palacio del Partal y Alcazaba

-Palacios Nazarìes

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...